I combattenti anti-Cremlino portano la guerra in territorio russo per un secondo giorno

Gli attacchi transfrontalieri dei combattenti allineati con l’Ucraina sono stati uno sforzo per costringere l’esercito russo a deviare le truppe dalla linea del fronte, ha detto un funzionario.

Soldati della Free Russia Legion in addestramento nella regione ucraina di Kiev a febbraio

Un raro assalto transfrontaliero nel sud della Russia da parte di combattenti anti-Cremlino allineati con l’Ucraina si è protratto nella seconda giornata di martedì, con segnalazioni di un’esplosione in una fabbrica di difesa e scaramucce a un valico, in una delle più sfacciate incursioni in territorio russo dall’inizio della guerra.

Martedì il ministero della Difesa russo ha dichiarato di aver respinto tutti i combattenti filo-ucraini oltre il confine dalla regione di Belgorod e che decine di “sabotatori” sono stati uccisi. L’affermazione non poteva essere verificata e le persone che rappresentavano i combattenti anti-Cremlino sostenevano che gli attacchi continuassero.

Il portavoce del Cremlino, Dmitri S. Peskov, ha descritto gli aggressori come “militanti ucraini” la cui violenza ha giustificato la guerra di Mosca contro il suo vicino. “Questo conferma ancora una volta che i militanti ucraini stanno continuando le loro attività contro il nostro paese”, ha detto martedì Peskov ai giornalisti.

Quando le incursioni sono iniziate lunedì, si poteva vedere il fumo uscire dalle esplosioni, secondo il video del drone verificato dal New York Times. Un altro video mostrava un soldato e un veicolo blindato con segni ucraini a circa tre miglia nel territorio russo. A Bryansk, una regione di confine con la Russia a nord, un magazzino di una fabbrica militare vicino alla città di Dyatkovo ha preso fuoco martedì, secondo quanto riferito dai media locali.

Alcuni analisti filo-russi temevano che gli attacchi aprissero una nuova serie di problemi sul campo di battaglia per Mosca.

L’Ucraina ha negato qualsiasi coinvolgimento diretto nelle incursioni, interpretando gli attacchi al confine come un segno di divisione interna in Russia. Un viceministro della difesa ucraino, Hanna Maliar, ha descritto i combattenti come “patrioti russi” che si ribellano contro il governo del presidente Vladimir V. Putin.

Un gruppo chiamato Free Russia Legion , composto da russi che hanno preso le armi per l’Ucraina, ha rivendicato la responsabilità di portare la guerra in territorio russo. L’unità di volontari opera sotto l’egida della Legione internazionale ucraina, forze supervisionate da ufficiali ucraini.

Ilya Ponomarev, un ex membro del parlamento russo in esilio che si è descritto come il rappresentante politico della legione, ha dichiarato martedì per telefono che le incursioni sono state un tentativo di costringere l’esercito di Mosca a deviare le truppe che combattono in Ucraina e a destabilizzare il governo di Putin mostrando la sua incapacità di difendere il suo lungo confine con l’Ucraina.

“Pensiamo che ora debbano riconsiderare e schierare più forze lungo tutto il confine ucraino”, ha detto Ponomarev. Ha aggiunto che il gruppo aveva catturato circa una dozzina di guardie di frontiera russe, un’affermazione che non poteva essere verificata.

Ha anche detto che gli ufficiali ucraini erano a conoscenza dell’operazione ma non l’avevano diretta.

Un alto funzionario ucraino ha affermato che l’esercito ucraino stava agendo a sostegno dei combattenti transfrontalieri e proteggendo il confine ucraino in caso di contrattacco russo. Il funzionario, che ha parlato in forma anonima per rivelare dettagli sulla missione all’interno della Russia, ha detto che nessun combattente ucraino è entrato nel territorio russo.

Andriy Zagorodnyuk, un ex ministro della difesa ucraino che ora consiglia il governo di Kiev, ha affermato che le incursioni al confine sono state una pietra miliare perché hanno coinvolto truppe armate, il che potrebbe costringere la Russia a schierare più forze lungo il confine invece che in prima linea.

“I russi vedranno che hanno problemi tra i propri cittadini, quindi l’idea di una Russia unificata è seriamente danneggiata”, ha detto Zagorodnyuk.

La Russia, ha affermato, deve affrontare una crescente minaccia alla sicurezza al confine con “perdite di aerei da combattimento, attacchi con ordigni esplosivi improvvisati sulle linee ferroviarie e ora azioni partigiane dirette”. Ha anche affermato che Mosca molto probabilmente utilizzerà gli attacchi per “sostenere la versione ufficiale secondo cui è la vittima della guerra”.

Lunedì, la Free Russia Legion ha dichiarato di aver “liberato” il villaggio di confine di Kozinka con un altro gruppo filo-ucraino chiamato Corpo di volontariato russo. Tali affermazioni non possono essere confermate.

Una fotografia rilasciata martedì dal Corpo dei volontari russi che pretende di mostrare i suoi combattenti al valico di frontiera a Kozinka, nella regione russa di Belgorod

Martedì, Aleksey Baranovsky, portavoce dell’ala politica della Free Russia Legion, ha detto che i combattenti hanno catturato altri due villaggi, Gorkovsky e Shchetinovka, e controllato circa 7,7 miglia quadrate in Russia. Anche queste affermazioni non possono essere confermate.

Un alto funzionario ucraino che ha parlato a condizione di anonimato per discutere degli eventi sul campo di battaglia ha riconosciuto che la Legione della Russia libera aveva subito delle perdite.

Non sarebbe la prima volta che combattenti filoucraini attaccano villaggi oltre il confine russo. A marzo, il Corpo dei volontari russi ha dichiarato di aver organizzato una breve incursione nei villaggi della regione russa di Bryansk e il Consiglio di sicurezza del Cremlino ha convocato una sessione di emergenza. Il corpo è guidato da un nazionalista russo in esilio e fa parte di un eterogeneo gruppo di russi che si oppongono al governo di Putin.

Mentre i residenti della regione di Belgorod convivono da tempocon i suoni e le esplosioni della guerra, gli attacchi potrebbero aumentare la paura in Russia e intaccare la popolarità di Putin, ha affermato Ivan Fomin, analista russo del Center for European Policy Analysis con sede a Washington. .

“Alcuni dei segmenti più aggressivi della società russa vedranno questi attacchi come un altro segno della debolezza e dell’incompetenza del Cremlino”, ha detto. “Quindi Putin potrebbe potenzialmente perdere un po’ di popolarità tra coloro che sostengono fortemente la guerra”.

Ma l’incursione potrebbe anche avere un effetto rally-round-the-flag, ha detto.

“Se riesce a illustrare l’infiltrazione nel territorio russo da parte dei gruppi di sabotaggio dall’Ucraina”, ha detto Fomin, “potrebbe essere più facile per lui vendere una narrazione sulla Russia sotto attacco e che si difende”.

Igor Girkin, un blogger militare russo noto anche come Igor Strelkov, ha scritto che se la notizia degli attacchi al confine fosse vera, “allora l’inevitabile creazione di un fronte continuo lungo questo confine, che dovrà essere riempito da qualche parte con unità armate combinate e formazioni delle forze armate russe, è all’ordine del giorno”.

Posizionare più soldati lungo il confine allungherebbe ulteriormente le forze della Russia e sarebbe favorevole all’Ucraina, ha concluso.

Anche prima dell’attacco di lunedì, i residenti di Belgorod avevano condiviso un video, la cui posizione non poteva essere immediatamente confermata in modo indipendente, chiedendo al governo russo di armarli per difendersi da una possibile incursione.

Un uomo in piedi davanti e leggendo da un giornale dice: “Comprendiamo perfettamente che prima dell’offensiva guidata dalle forze armate dell’Ucraina, le nostre forze non ci proteggeranno completamente. La prima linea è enorme”.

Filmato rilasciato martedì dal ministero della Difesa russo che pretende di mostrare veicoli corazzati distrutti nel distretto Grayvoronsky di Belgorod

Quando lunedì sono iniziati gli assalti, il governatore russo di Belgorod, Vyacheslav Gladkov, ha detto che l’esercito, il servizio di frontiera e l’agenzia di intelligence di Mosca stavano “prendendo le misure necessarie per eliminare il nemico”.

Il signor Gladkov ha posto la regione su una base antiterrorismo, stabilendo restrizioni temporanee di movimento e sospendendo le attività che coinvolgono sostanze pericolose.

Ha detto che la regione è stata bombardata 15 volte martedì mattina e che un civile è stato ucciso. Successivamente ha revocato le misure antiterrorismo.

Immagini e video verificati dal Times sembravano mostrare che i combattenti filo-ucraini avevano utilizzato almeno tre veicoli corazzati di fabbricazione americana durante l’incursione in Russia di lunedì. Non era chiaro come avessero avuto accesso alle attrezzature americane. Le forze russe hanno catturato almeno due dei veicoli, hanno mostrato prove visive.

Matthew Miller, il portavoce del Dipartimento di Stato, ha dichiarato: “Siamo scettici in questo momento sulla veridicità di questi rapporti”. Ha aggiunto che gli Stati Uniti non “incoraggiano né consentono attacchi all’interno della Russia”.

Il confine russo nell’area è ben fortificato con mine, trincee e barriere. Dall’inizio della guerra, le autorità hanno speso circa 125 milioni di dollari per rafforzare le difese della regione di Belgorod, secondo una dichiarazione rilasciata a febbraio dal ministro regionale dell’edilizia.

Ma la Russia, che questa settimana ha ottenuto una significativa vittoria militare nella città in rovina di Bakhmut dopo una dura battaglia di nove mesi, ha subito diversi colpi durante la guerra. Tra questi un’esplosione che ha danneggiato il ponte che collega la Crimea occupata alla terraferma russa e l’ affondamento dell’incrociatore Moskva , l’ammiraglia della flotta del Mar Nero.

Yuriy Karin, un analista di un gruppo che smaschera la propaganda russa, ha affermato che dopo anni in cui la Russia ha negato i suoi interventi militari nell’Ucraina orientale, l’Ucraina potrebbe ora fare lo stesso nella Russia meridionale.

“È uno specchio della situazione creata dalla Russia in Crimea e nel Donbass” nel 2014, quando la Russia ha inviato soldati con uniformi anonime e il Cremlino ha negato qualsiasi affiliazione con i combattenti, ha affermato Karin.

Bakhmut è andato: uno sguardo aereo alla distruzione della guerra

Bakhmut è cancellato.

Mentre infuriano i combattimenti intorno alla città dell’Ucraina orientale, le riprese dei droni riprese venerdì dal hanno catturato gli edifici bruciati, le scuole distrutte e i parchi pieni di crateri che ora caratterizzano Bakhmut. Quella che sembra una foschia mattutina che si diffonde attraverso l’orizzonte in frantumi è il fumo acre che aleggiava pesante dopo un’altra notte di bombardamenti implacabili.

I russi dichiarano vittoria in questa battaglia, la più lunga e sanguinosa della guerra. Gli ucraini, guadagnando terreno nelle periferie, dicono che la morte della città non è la fine della campagna per scacciare i russi dalle rovine, ma solo un’altra fase di una guerra catastrofica.

L’idea di un “vincitore”, tuttavia, sfida ciò che è così chiaramente perduto: le molte vite e case nella città un tempo pacifica, nota per le sue miniere di sale e il vino spumante, in gran parte ridotte in cenere. Alcuni civili rimasti si muovevano ansiosi cercando di trovare una strada sicura mentre i russi combattevano nel quartiere dove la gente si stava rifugiando. Non è stato subito possibile sapere chi sono le persone, dove stanno andando e come sono sopravvissute.

In un luogo pieno di morte e distruzione, i segni di vita sono l’eccezione. Il presidente Biden ha detto questo fine settimana che circa 100.000 soldati russi sono stati uccisi e feriti nella battaglia per Bakhmut. Anche l’Ucraina ha subito gravi perdite in uno scontro descritto da entrambe le parti come un “tritacarne”.

Nell’ultimo anno, il governo ucraino ha esortato i residenti a evacuare la città di quasi 80.000 persone e, a marzo, si stima che fossero rimaste solo circa 4.000 persone. Quando la Russia ha intensificato i suoi bombardamenti, i gruppi umanitari hanno trovato impossibile lavorare in città. Le forze ucraine hanno continuato a offrire alle persone un trasporto sicuro fino a due settimane fa, secondo i soldati, ma alcuni residenti si sono rifiutati di andarsene.

Mentre gli ultimi soldati ucraini venivano spinti in un’area sempre più piccola vicino all’ingresso occidentale della città, l’esercito russo trasformava quello che un tempo era un fiorente quartiere residenziale in un poligono di tiro.

Il bombardamento russo di Bakhmut è iniziato circa un anno fa.

Fu solo a dicembre, dopo mesi di brutali duelli di artiglieria e micidiali guerre di trincea, che le forze russe riuscirono a entrare nella periferia orientale della città.

Quando le temperature sono scese sotto lo zero questo inverno, una squadra del Times ha visitato Bakhmut e ha scoperto che i pochi residenti rimasti vivevano per lo più in bunker sotterranei. Facevano affidamento sui volontari per fornire cibo e forniture mediche, avventurandosi occasionalmente per la legna da ardere.

I russi avanzarono lentamente, blocco dopo blocco, radendo al suolo molti edifici per negare agli ucraini posizioni difendibili.

Costruire fortificazioni a dicembre.
Residenti che raccolgono donazioni di carbone a dicembre.
I civili fanno i bagagli per lasciare Bakhmut a dicembre.

All’inizio di maggio, gli ucraini erano in gran parte confinati in un appezzamento di terreno più piccolo di Central Park. Le forze russe intensificarono i bombardamenti, volti a cacciare gli ultimi soldati ucraini. Alla fine di maggio, ci erano riusciti ampiamente.

All’ingresso occidentale di Bakhmut, un gruppo di artisti nel 2020 ha dipinto due grandi murales sui muri di grattacieli per offrire ai residenti un senso di conforto.

Uno raffigurava una madre che teneva in alto il suo bambino, condividendo un momento di gioia. Entrambi indossano ghirlande tra i capelli. L’altro murale raffigurava un padre con suo figlio sulle spalle che giocava con un aeroplano giocattolo contro un cielo azzurro e sereno.

Il murale della madre e della figlia è andato insieme all’edificio a più piani che fungeva da tela e ospitava centinaia di persone.

Venerdì, il muro con il dipinto del padre e del figlio era ancora in piedi, ma mentre il drone passava, si poteva vedere un’esplosione proprio di fronte all’edificio – che ora è vuoto, malconcio e senza vita, come la città stessa .

Dimentichiamo che le potenze nucleari hanno perso le guerre

Nell’era Breznev della giovinezza di Putin, il 9 maggio era un’occasione per il militarismo sovietico, una celebrazione delle armi e del potere. Si può dimenticare, almeno per un momento, che la guerra scelta da Leonid Brezhnev in Afghanistan sarebbe continuata e persa meno di due decenni dopo che ha iniziato a celebrare il 9 maggio, proprio mentre l’ultima guerra di Putin viene condotta oggi. e perso in Ucraina.

Durante entrambi i conflitti, le persone in Occidente erano comprensibilmente preoccupate per la guerra nucleare.

La Russia moderna crea un flusso infinito di minacce nucleari. Oggi in Occidente, a differenza della Guerra Fredda, se ne discute psicologicamente, non strategicamente. Come sta Putin? Come ci sentiamo?

La paura americana di un’escalation ha ritardato la consegna di armi che avrebbero potuto consentire all’Ucraina di vincere lo scorso anno. Uno per uno, i sistemi d’arma considerati in escalation sono stati dispiegati senza conseguenze negative. Ma il prezzo del ritardo si vede nei territori ucraini ancora controllati dalla Russia: fosse della morte, camere di tortura e case vuote di bambini rapiti. Decine di migliaia di soldati di entrambe le parti morirono inutilmente.

Per quasi 15 mesi di guerra, nonostante la propaganda nucleare russa e le preoccupazioni occidentali, le armi nucleari non furono utilizzate. Questa è un’assenza che merita una spiegazione. Coloro che hanno predetto un’escalation se gli ucraini resistessero, se l’Occidente fornisse armi o se la Russia fosse sconfitta finora si sono sbagliati. I pensatori strategici puntano sulla deterrenza e sottolineano che l’uso di armi nucleari non porterà effettivamente la vittoria alla Russia. Ciò garantirebbe una risposta drammatica da parte dell’Occidente e renderebbe i leader russi emarginati. Ma c’è una spiegazione più profonda: il discorso sul nucleare della Russia è esso stesso un’arma.

Si basa su falsi presupposti. La propaganda nucleare russa suggerisce che il bullo vince sempre. Ma non sempre il bullo vince. I propagandisti russi vogliono farci pensare che le potenze nucleari non possono mai perdere una guerra, sulla base della logica che possono sempre schierare armi nucleari per vincere. Questa è finzione non storica. Le armi nucleari non hanno portato la vittoria francese in Algeria e non hanno salvato l’Impero britannico. L’Unione Sovietica ha perso la guerra in Afghanistan. L’America ha perso in Vietnam, Iraq e Afghanistan. Israele non è riuscito a vincere in Libano. Le potenze nucleari perdono le guerre con una certa regolarità.

Alcuni americani hanno proposto uno scenario nucleare in cui i russi dovrebbero usare armi nucleari per evitare la sconfitta. Ma la Russia è stata sconfitta ancora e ancora in Ucraina alle sue stesse condizioni. Ciò che ha dimostrato è la sua capacità di cambiare queste condizioni dopo ogni sconfitta. La Russia non ha raggiunto il chiaro obiettivo dell ‘”operazione militare speciale” per rovesciare il governo democratico dell’Ucraina. Non ci sarà umiliazione più grande di questa. La sconfitta vicino a Kyiv fu seguita da successive sconfitte vicino a Kharkiv e Kherson. Ogni perdita ha portato all’insabbiamento dei propagandisti di stato russi e dei loro seguaci, a parlare di gesti di buona volontà, ritirate strategiche, ecc. L’escalation ha avuto luogo nel carico di propagandisti.

La Russia può perdere senza essere messa alle strette. Ha 11 fusi spazio-temporali per i soldati in ritirata e molta pratica nel riciclare la propaganda. In effetti, i leader russi hanno già chiarito cosa faranno se credono di perdere: cambiare la portata dell’autorità e cambiare argomento nei media russi. Lo stato cleptocratico di Putin nel suo insieme e le sue strutture dipendenti, come l’esercito mercenario di Wagner, sono progetti di pubbliche relazioni con armi militari. Nella politica russa, si crede comunemente che la retorica abbia la meglio sulla realtà. E vengono fatti preparativi retorici per la sconfitta.

Sotto la vaga bellicosità di Putin c’è l’idea che la Russia vincerà se eviterà (nelle sue parole) una “sconfitta strategica” imposta dalla NATO. Quasi qualunque cosa accada, sarà facile per lui definire la guerra in Ucraina una vittoria strategica. Dal momento che il Cremlino dice che sta combattendo la NATO, tutto ciò che Putin ha da dire è che la Russia ha impedito alla NATO di entrare nel territorio russo. In questo spirito, il comandante di Wagner ha recentemente scritto che la Russia potrebbe porre fine alla “operazione militare speciale” in qualsiasi momento e dichiarare semplicemente che i suoi obiettivi sono stati raggiunti se la Russia non si fosse ritirata dai territori ucraini occupati.

Prendendo sul serio il ricatto nucleare, abbiamo effettivamente aumentato l’imprevedibilità complessiva della guerra nucleare. Se il ricatto nucleare consentirà alla Russia di vincere, le conseguenze saranno incredibilmente terribili. Se un paese dotato di armi nucleari può fare ciò che vuole, allora la legge non significa nulla, nessun ordine internazionale è possibile e il disastro è in arrivo ad ogni angolo. I paesi che non dispongono di armi nucleari dovranno crearle, sulla base della logica che avranno bisogno della deterrenza nucleare in futuro. La proliferazione nucleare renderà la guerra nucleare molto più probabile in futuro.

Quando capiamo che il discorso sul nucleare è di per sé un’arma, possiamo agire per renderlo meno rischioso. La strada per il pensiero strategico è liberarsi dalle proprie ansie e prendere

Aggiornamenti live dell’incoronazione: oggi il Regno Unito incoronerà il re Carlo III

Il primo nuovo monarca del paese in sette decenni sarà incoronato con una cerimonia che risale a un millennio fa, con uno sfarzo che alcuni rispettano come tradizione e altri considerano fuori luogo nella vita moderna.

Ecco il percorso che farà oggi re Carlo III, da Buckingham Palace all’abbazia di Westminster e ritorno.

Ci sarà un’importante operazione di sicurezza in corso durante l’incoronazione. La polizia metropolitana di Londra l’ha soprannominata “Operazione Golden Orb” e includerà migliaia di agenti aggiuntivi; poca tolleranza per le proteste dirompenti; e l’uso di sistemi di riconoscimento facciale in tempo reale negli spazi pubblici, ha detto la polizia questa settimana.

Questa mattina c’è una presenza visibile e intensificata di polizia e altri agenti di sicurezza.


Re Carlo III viene incoronato oggi. Ecco cosa sapere.

La Gran Bretagna incoronerà re Carlo III sabato, mettendo in scena un rito dell’ottavo secolo in una metropoli del 21° secolo con una manciata di concessioni all’età moderna ma lo sfarzo sfacciato di una fiaba, mai visto dall’incoronazione della regina Elisabetta II, sua madre, nel 1953.

Decine di migliaia di persone si affolleranno nel centro di Londra per dare un’occhiata al re e alla sua regina, Camilla, mentre viaggiano da Buckingham Palace all’Abbazia di Westminster nel Diamond Jubilee State Coach, scortato da quattro divisioni del reggimento di cavalleria a cavallo della famiglia.

In una cerimonia sia intima che grandiosa, Carlo sarà unto con l’olio santo, a simboleggiare la natura sacra del suo governo. Sarà rivestito di un mantello imperiale e l’arcivescovo di Canterbury gli porrà sul capo l’antica corona di Sant’Edoardo. Una volta incoronati, Carlo e Camilla torneranno a Buckingham Palace in una diligenza d’oro usata da Elisabetta per il suo corteo di incoronazione.

Anche in un paese abituato allo spettacolo regale, la processione di sabato avrà una descrizione da mendicante: 19 bande militari e 4.000 truppe, che si stendono per un miglio dai cancelli del palazzo. Il re e la sua famiglia guarderanno dal balcone più di 60 aerei – jet da combattimento, elicotteri e Spitfire d’epoca della Seconda Guerra Mondiale – rombare in alto in uno spettacolo che è, per tradizione, il gran finale di una celebrazione reale.

Ecco cosa sapere sugli eventi dell’incoronazione:

  • Il servizio di incoronazione inizia alle 11:00 (6:00 ora orientale) nell’Abbazia di Westminster a Londra. Ecco una carrellata degli eventi, che saranno trasmessi in streaming in questo blog.
  • Durante il servizio, Charles giurerà di sostenere la Chiesa d’Inghilterra, anche se l’arcivescovo di Canterbury, il reverendo Justin Welby, incoraggerà il re a “promuovere un ambiente in cui le persone di tutte le fedi e credenze possano vivere liberamente”. Ãˆ una delle numerose modifiche alla liturgia, poiché la chiesa e Buckingham Palace hanno cercato di adattare un servizio di 1.000 anni al mondo ecumenico di oggi.
  • Le circa 2.300 persone che sono state invitate alla cerimonia includono volti nuovi, vecchi lignaggi, leader mondiali, icone della musica pop e altri – una cerchia che parla degli sforzi di Charles per abbracciare una Gran Bretagna moderna e multiculturale, ma anche dell’identità dinastica della monarchia.
  • Dopo anni di tensioni familiari, il principe Harry parteciperà all’incoronazione di suo padre, da solo. La moglie di Harry, Meghan, la duchessa del Sussex, sta a casa in California con i figli della coppia, il principe Archie, che compie 4 anni sabato, e la principessa Lilibet di 1 anno.
  • Il New York Times invita i lettori a condividere i loro pensieri e le loro osservazioni sugli eventi dell’incoronazione. Invia i tuoi commenti qui.

LA RUSSIA ACCUSA GLI USA DI COINVOLGERE LE ESPLOSIONI SUL CREMLINO

Giovedì, la Russia ha accusato gli Stati Uniti di un apparente attacco di droni al Cremlino, accusando Washington di “coinvolgimento diretto” nella guerra in Ucraina. Un portavoce del Cremlino ha affermato, senza fornire prove, che gli Stati Uniti “hanno dettato” gli attacchi ucraini all’interno della Russia, un’accusa che un alto funzionario statunitense ha fortemente negato.

Dmytro S. Peskov, il portavoce di Putin, ha ripetutamente detto ai giornalisti durante una teleconferenza quotidiana che dietro l’episodio del Cremlino c’erano gli Stati Uniti. Le riprese video esaminate dal New York Times hanno mostrato due esplosioni sopra il Cremlino mercoledì mattina, un incidente che la Russia ha descritto come un attacco di droni ucraini alla residenza di Putin al Cremlino. L’Ucraina nega il suo coinvolgimento.

“Sappiamo molto bene che le decisioni su tali azioni e tali atti terroristici non vengono prese a Kiev, ma a Washington”, ha affermato Peskov. “Allora Kyiv fa quello che gli è stato ordinato di fare”.

La Casa Bianca ha rapidamente respinto le accuse di Peskov. Su “Morning Joe” di MSNBC giovedì mattina, il portavoce della Casa Bianca John F. Kirby ha affrontato le accuse del Cremlino e ha detto “Peskov sta solo mentendo, chiaro e semplice”.

“Siamo stati chiari con loro pubblicamente e privatamente sul fatto che non li incoraggiamo né permettiamo loro di colpire al di fuori dell’Ucraina”, ha detto Kirby, riferendosi ai funzionari ucraini. “Posso assicurarvi che gli Stati Uniti non sono stati coinvolti”.

Una fuga di documenti riservati del Pentagono mostra che mentre le forze armate statunitensi forniscono all’Ucraina dati sui bersagli sul campo di battaglia, i funzionari statunitensi hanno lavorato per dissuadere l’Ucraina da attacchi potenzialmente provocatori su Mosca. E i funzionari americani hanno avvertito l’Ucraina per l’omicidio ad agosto di Daria Dugina, figlia di un noto ultranazionalista russo, che, secondo i servizi speciali americani, è stato sanzionato da una parte del governo ucraino.

Il signor Kirby ha detto su MSNBC che gli Stati Uniti non hanno identificato chi c’era dietro l’incidente di mercoledì e che “non sappiamo ancora cosa sia successo”.

Ma Peskov giovedì ha insistito sul fatto che la negazione del coinvolgimento dell’Ucraina nell’incidente del Cremlino di mercoledì e la negazione dell’America di esserne a conoscenza in anticipo erano “assolutamente ridicole”. Il mese scorso, Putin ha affermato, anche senza fornire prove, che i “servizi speciali occidentali” stavano aiutando l’Ucraina a compiere “atti terroristici” in Russia.

“Lo sappiamo molto bene”, ha detto giovedì Peskov, dicendo che gli Stati Uniti stavano dicendo all’Ucraina dove colpire. “È molto importante che Washington capisca che lo sappiamo e che capiscano quanto sia pericoloso essere coinvolti così direttamente nel conflitto”.

Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelenskyi ha dichiarato durante la sua visita in Finlandia che il suo paese non ha attaccato il Cremlino.

“Non stiamo attaccando Putin o Mosca”, ha detto all’emittente scandinava TV2. “Stiamo combattendo sul nostro territorio. Proteggiamo i nostri villaggi e le nostre città. Non abbiamo abbastanza armi per questo”. Trattare con Putin, ha aggiunto, sarà lasciato a un tribunale internazionale.

Reuters

Viene segnalato un secondo deragliamento di un treno in due giorni in una zona di confine russa.

Un’esplosione martedì a Bryansk, lungo il confine settentrionale dell’Ucraina, ha mandato fuori dai binari una locomotiva e circa 20 vagoni ferroviari, hanno detto le autorità locali.

Le autorità locali hanno riferito martedì che un’esplosione ha fatto deragliare un treno merci nella regione russa di Bryansk, al confine con l’Ucraina, il secondo incidente del genere in due giorni.

Il governatore regionale, Aleksandr V. Bogomaz, ha dichiarato in un post sull’app di messaggistica Telegram che un ordigno esplosivo era esploso nei pressi della stazione ferroviaria di Snezhetskaya, una cittadina a circa 60 miglia dal confine con l’Ucraina, ma non aveva causato morti o feriti .

Una locomotiva e circa 20 vagoni ferroviari sono usciti dai binari, secondo una dichiarazione delle ferrovie russe, l’operatore del treno, che ha affermato che un treno antincendio era stato inviato sul posto. Tuttavia, i primi video del treno deragliato pubblicati online non mostravano fiamme. Non è stato subito chiaro cosa stesse trasportando il treno.

Inoltre, un villaggio a Bryansk che si trova a meno di cinque miglia dal confine con l’Ucraina è stato bombardato martedì mattina , provocando un incendio ma senza causare vittime, ha detto Bogomaz. Ha incolpato l’esercito ucraino per quell’attacco, ma non ha offerto prove. Non è stato possibile verificare in modo indipendente l’affermazione.

Il governatore non ha espresso colpe specifiche per i due deragliamenti del treno. Né l’Ucraina ha rivendicato le esplosioni, sebbene Kyiv mantenga generalmente una politica di ambiguità strategica riguardo agli attacchi sul territorio russo.

Il precedente deragliamento è avvenuto lunedì, mentre un treno merci dalla Bielorussia stava transitando nella regione di Bryansk vicino alla città di Unecha, a circa 60 miglia a est del confine ucraino. Dopo che un ordigno esplosivo è esploso, otto dei 78 vagoni del treno sono saltati sui binari e si sono accesi, bloccando il traffico sulla linea. Rybar, un influente blog militare russo favorevole alla guerra, ha pubblicato un video su Telegram delle auto in fiamme e ha affermato che trasportavano prodotti petroliferi e legname.

Martedì mattina, il servizio ferroviario sulla linea è stato ripristinato, hanno detto le ferrovie russe su Telegram. Circa 100 metri di binari ferroviari, o circa 330 piedi, dovevano essere sostituiti, ha detto la compagnia.

Le esplosioni sono state le ultime di una serie di attacchi che hanno colpito la regione. Domenica, il signor Bogomaz ha affermato che quattro persone nella regione sono state uccise dai bombardamenti ucraini dall’altra parte del confine.

La Russia ha utilizzato i territori vicini all’Ucraina – compresa la regione di Bryansk, lungo il confine settentrionale dell’Ucraina – per organizzare assalti, lanciare razzi, lanciare attacchi aerei e organizzare altri attacchi durante i 14 mesi di guerra. Il governo ucraino ha espresso crescente preoccupazione per il fatto che Mosca stia usando la regione di Bryansk per lanciare attacchi di droni.

Il riconoscimento facciale alimenta l'”apartheid automatizzato” in Israele, afferma il rapporto

Il governo israeliano sta usando la visione artificiale per monitorare i viaggi palestinesi attraverso i posti di blocco, secondo il rapporto.

Un soldato israeliano sotto una telecamera di sorveglianza a un posto di blocco a Hebron nel 2021.
Un soldato israeliano sotto una telecamera di sorveglianza a un posto di blocco a Hebron nel 2021.

Israele fa sempre più affidamento sul riconoscimento facciale nella Cisgiordania occupata per rintracciare i palestinesi e limitare il loro passaggio attraverso i checkpoint chiave, secondo un nuovo rapporto, un segno di come la sorveglianza alimentata dall’intelligenza artificiale possa essere usata contro un gruppo etnico.

Ai posti di blocco ad alta recinzione di Hebron, i palestinesi stanno davanti alle telecamere di riconoscimento facciale prima che gli venga permesso di attraversare. Mentre i loro volti vengono scansionati, il software – noto come Red Wolf – utilizza un sistema di codifica a colori di verde, giallo e rosso per guidare i soldati sull’opportunità di lasciar andare la persona, fermarli per interrogarli o arrestarli, secondo il rapporto di Amnesty International. Quando la tecnologia non riesce a identificare qualcuno, i soldati addestrano il sistema aggiungendo le loro informazioni personali al database.

Israele ha a lungo limitato la libertà di movimento dei palestinesi, ma i progressi tecnologici stanno dando alle autorità nuovi potenti strumenti. Ãˆ l’ultimo esempio della diffusione globale dei sistemi di sorveglianza di massa, che si affidano all’intelligenza artificiale per imparare a identificare i volti delle persone sulla base di grandi archivi di immagini.

A Hebron e Gerusalemme Est, la tecnologia si concentra quasi interamente sui palestinesi, secondo il rapporto di Amnesty, segnando un nuovo modo per automatizzare il controllo dei confini interni che separano le vite di palestinesi e israeliani . Amnesty ha definito il processo “apartheid automatizzato”. Israele ha fortemente negato di gestire un regime di apartheid.

“Questi database e strumenti registrano esclusivamente i dati dei palestinesi”, afferma il rapporto, che si basa sui resoconti di ex soldati israeliani e palestinesi che vivono nelle aree sorvegliate, nonché su visite sul campo per osservare l’uso della tecnologia nei territori colpiti.

Le forze di difesa israeliane, che svolgono un ruolo centrale nei territori occupati della Cisgiordania, hanno affermato in una dichiarazione di svolgere “operazioni di sicurezza e intelligence necessarie, mentre compiono sforzi significativi per ridurre al minimo i danni alle attività di routine della popolazione palestinese”.

Sul riconoscimento facciale, ha aggiunto: “Naturalmente, non possiamo fare riferimento a capacità operative e di intelligence”.

L’uso da parte del governo della tecnologia di riconoscimento facciale per prendere di mira in modo così esplicito un singolo gruppo etnico è raro. In Cina, le aziende hanno creato algoritmi che cercavano di identificare le minoranze mentre passavano davanti alle onnipresenti telecamere del paese. Il governo cinese ha anche utilizzato checkpoint di riconoscimento facciale per controllare e tracciare i movimenti di uiguri, kazaki e altre minoranze etniche.

L’uso da parte di Israele del riconoscimento facciale ai posti di blocco si basa su altri sistemi di sorveglianza implementati negli ultimi anni. Dalle proteste nel quartiere di Sheikh Jarrah a Gerusalemme est per lo sgombero delle famiglie palestinesi nel 2021, la presenza di telecamere è aumentata nell’area, molto probabilmente a supporto di un sistema di videosorveglianza del governo israeliano in grado di riconoscere i volti noto come Mabat 2000, secondo Amnesty .

In una passeggiata nell’area, i ricercatori di Amnesty hanno riferito di aver trovato da una a due telecamere ogni 15 piedi. Alcuni sono stati realizzati da Hikvision, il produttore cinese di telecamere di sorveglianza, e altri da TKH Security, un produttore olandese.

TKH Security ha rifiutato di commentare. Hikvision non ha risposto a una richiesta di commento.

Una telecamera di sorveglianza a un posto di blocco a Hebron. 
“Tutta la mia vita è osservata. 
Non ho alcuna privacy”, ha detto un attivista palestinese.

Anche le forze governative usano le fotocamere dei loro telefoni. Le autorità israeliane hanno un’app di riconoscimento facciale, Blue Wolf , per identificare i palestinesi, secondo Breaking the Silence, un’organizzazione che ha assistito Amnesty e raccoglie testimonianze di soldati israeliani che hanno lavorato nei territori occupati.

Secondo il rapporto di 82 pagine di Amnesty e le testimonianze di Breaking the Silence, i soldati usano l’app per fotografare i palestinesi per strada o durante i raid domestici per registrarli in un database centrale e per verificare se sono ricercati per l’arresto o l’interrogatorio. L’uso di Blue Wolf è stato riportato in precedenza dal Washington Post .

La sorveglianza è in parte uno sforzo per ridurre la violenza contro gli israeliani. Quest’anno, gli aggressori palestinesi hanno ucciso 19 israeliani. Almeno 100 palestinesi quest’anno sono stati uccisi dalle forze di sicurezza israeliane, molti durante scontri a fuoco scoppiati durante le operazioni militari per arrestare uomini armati palestinesi. Israele ha occupato la Cisgiordania dal 1967 dopo averla catturata dalla Giordania durante la guerra arabo-israeliana di quell’anno.

Issa Amro, un attivista palestinese di Hebron, una città della Cisgiordania dove vi è una violenza regolare, ha detto che le persone sono sotto costante sorveglianza. Lui, i suoi amici e la sua famiglia vengono regolarmente fermati dai soldati per essere fotografati usando l’app Blue Wolf. Le telecamere di sorveglianza fiancheggiano le strade e i droni di solito volano in alto.

Il signor Amro ha detto che l’esercito israeliano è diventato così dipendente dai sistemi automatizzati che l’attraversamento dei posti di blocco si blocca quando ci sono problemi tecnici.

“Tutto è sorvegliato. Tutta la mia vita è osservata. Non ho alcuna privacy”, ha detto. “Sento che mi stanno seguendo ovunque io vada.”

Il signor Amro ha detto che i palestinesi sono arrabbiati perché gli strumenti di sorveglianza non sembrano mai essere usati per identificare i crimini dei coloni israeliani contro i palestinesi.

Ori Givati, un ex comandante di carri armati israeliani che ora è il direttore dell’advocacy di Breaking the Silence, ha detto che i nuovi sistemi di sorveglianza hanno iniziato a essere messi in atto intorno al 2020. La tecnologia ha permesso al governo israeliano di muoversi verso un’occupazione automatizzata, ha detto, sottoponendo Palestinesi alla costante supervisione e supervisione.

I sistemi di riconoscimento facciale funzionano, ha detto, “non solo come un’invasione della privacy, ma un potente strumento di controllo”.

L’esercito ucraino afferma che l’esplosione in Crimea era in preparazione per un’offensiva

Nella tarda domenica, un giorno dopo l’esplosione in Crimea, le esplosioni hanno scosso Pavlograd nell’Ucraina centrale e le sirene dei raid aerei hanno suonato in tutta l’Ucraina.

Un camion dei pompieri rosso è parcheggiato davanti a un grande pennacchio di fumo che esce da un incendio.
Un fermo immagine tratto da un video distribuito dal governatore di Sebastopoli che pretende di mostrare i vigili del fuoco schierati per spegnere un incendio sabato in un deposito di petrolio a Sebastopoli, in Crimea. Governatore del canale Telegram di Sebastopoli/EPA, tramite Shutterstock
Un fermo immagine tratto da un video distribuito dal governatore di Sebastopoli che pretende di mostrare i vigili del fuoco schierati per spegnere un incendio sabato in un deposito di petrolio a Sebastopoli, in Crimea. Governatore del canale Telegram di Sebastopoli/EPA, tramite Shutterstock

Un attacco a un deposito di petrolio nella Crimea occupata dai russi che ha provocato un enorme incendio e ha inviato un pennacchio di fumo nero fluttuante nel cielo faceva parte dei preparativi dell’Ucraina per una controffensiva, ha detto domenica un portavoce militare ucraino.

L’incendio di sabato scorso nella città di Sebastopoli, sede della flotta del Mar Nero della Marina russa, è l’ultimo esempio di quella che sembra essere la prossima fase di un conflitto che per mesi è stato caratterizzato da aspri combattimenti, avanzate striscianti e bombardamenti mortali lungo la linea del fronte e oltre il confine tra i due paesi.

L’incendio del deposito, secondo la portavoce del comando meridionale dell’Ucraina, Natalia Humeniuk, fa parte dei preparativi per “l’offensiva ampia e su vasta scala che tutti si aspettano”. Domenica ha detto alla televisione ucraina che era fondamentale prendere di mira la capacità logistica della Russia prima della controffensiva. I funzionari russi hanno accusato l’esplosione di un attacco di droni che è riuscito a raggiungere ben oltre le linee del fronte dei combattimenti.

Poco più di 24 ore dopo, le forze russe hanno dimostrato la propria capacità di colpire obiettivi ben all’interno del territorio avversario. Pavlograd, una città lontana dal fronte nella regione di Dnipropetrovsk, nell’Ucraina centrale, è stata scossa da esplosioni, secondo quanto riferito dai social media e dal sindaco della città, Anatoly Vershina.

Video e foto condivisi sui social media e recensiti da The Times sembravano mostrare le conseguenze di una grande esplosione all’interno della città. Diverse immagini mostravano anche quelle che sembravano esplosioni secondarie. I canali Telegram locali hanno condiviso foto di finestre in frantumi e danni alle case a seguito di segnalazioni di un’esplosione. Non è chiaro se ci siano state vittime. Ore dopo, le sirene dei raid aerei hanno suonato in tutta l’Ucraina e i funzionari hanno avvertito i residenti di mettersi al riparo da possibili attacchi missilistici russi.

La Russia è stata in grado di lanciare attacchi mortali lontano dal fronte, compreso un attacco aereo venerdì che ha ucciso più di due dozzine di persone. Ma non è stato in grado di sfondare le difese ucraine a est, ottenendo solo piccoli guadagni poiché entrambe le parti hanno subito pesanti perdite.

Ciò ha dato all’Ucraina la speranza di una controffensiva imminente, con una fascia di terra appena a nord della Crimea vista come un probabile obiettivo. La Russia ha tenuto quel territorio, nelle regioni di Zaporizhzhia e Kherson lungo la costa del Mar d’Azov, da poco dopo l’invasione.

Il ritmo degli attacchi in Crimea e in città come Melitopol nella regione di Zaporizhzhia è aumentato nelle ultime settimane, un potenziale segno della loro importanza per una controffensiva imminente che dovrebbe essere alimentata da nuove forniture di equipaggiamento militare occidentale avanzato, inclusi carri armati e veicoli corazzati che sono già arrivati ​​​​nel paese.

Soldati ucraini si preparano a sparare un colpo di mortaio sulle vicine posizioni russe da una trincea sotterranea in prima linea nella regione di Zaporizhzhia, nel sud dell'Ucraina
Soldati ucraini si preparano a sparare un colpo di mortaio sulle vicine posizioni russe da una trincea sotterranea in prima linea nella regione di Zaporizhzhia, nel sud dell’Ucraina.

Mentre il presidente ucraino Volodymyr Zelensky afferma che la rivendicazione della Crimea è una priorità nazionale, i funzionari e gli esperti militari ucraini affermano che è altamente improbabile che la penisola sia l’obiettivo immediato della prossima campagna. La Crimea è ben oltre le linee russe e la Russia ha tentato di rafforzare le sue difese lungo la costa, piazzando mine terrestri e costruendo ostacoli per rallentare i carri armati.

Sia l’Ucraina che la Russia hanno subito pesanti perdite nelle combattute campagne di terra nella regione del Donbass, in particolare intorno alla città di Bakhmut, e si ritiene che il sud e l’est del paese siano i teatri più probabili per l’imminente offensiva dell’Ucraina. Ma i bombardamenti sono rimasti un appuntamento fisso nella vita quotidiana dei civili di entrambi i paesi in regioni lontane dai combattimenti più intensi.

Domenica, quattro civili sono stati uccisi quando i bombardamenti ucraini hanno colpito un villaggio russo vicino al confine nord-orientale dell’Ucraina, secondo il governatore della regione di Bryansk, Alexander Bogomaz. Due persone sono rimaste ferite anche quando diversi razzi hanno colpito il villaggio di Suzemka, a circa sei miglia dal confine con la regione ucraina di Sumy.

La stessa Sumy è stata un bersaglio frequente dei bombardamenti russi negli ultimi mesi e l’amministrazione militare regionale ha dichiarato domenica che le forze russe hanno sparato un totale di 57 proiettili su nove comunità durante la notte, sebbene non siano stati segnalati feriti.

I funzionari ucraini hanno riferito di due civili morti a causa dei bombardamenti russi domenica, entrambi nel sud del paese. I bombardamenti hanno ucciso una donna e ferito un uomo nella regione di Kherson, dove la Russia ha preso di mira il territorio riconquistato dalle forze ucraine lo scorso autunno, e una persona è stata uccisa e due ferite a Nikopol, nella regione di Dnipropetrovsk.

Nessuna delle affermazioni di vittime civili di nessuno dei due paesi è stata verificata in modo indipendente.

L’aviatore accusato di fuga di notizie ha una storia di osservazioni razziste e violente, afferma l’archiviazione

I pubblici ministeri hanno accusato Jack Teixeira di aver tentato di coprire incautamente le sue azioni e hanno descritto una possibile propensione alla violenza.

Jack Teixeira, la guardia nazionale aerea del Massachusetts accusato di aver pubblicato online documenti riservati, ha ripetutamente tentato di ostacolare gli investigatori federali e ha una storia “preoccupante” di commenti razzisti e violenti, hanno detto gli avvocati del Dipartimento di Giustizia in un deposito in tribunale mercoledì scorso.

In un promemoria di 18 pagine, rilasciato prima di un’udienza di detenzione prevista per giovedì in un tribunale federale del Massachusetts, gli avvocati del dipartimento hanno sostenuto che Airman Teixeira doveva essere detenuto a tempo indeterminato perché rappresentava un “serio rischio di volo” e potrebbe ancora avere informazioni che sarebbero di “tremendo valore per stati nazionali ostili”.

L’aviatore Teixeira ha attinto a vaste riserve di informazioni sensibili, una quantità che “supera di gran lunga ciò che è stato divulgato pubblicamente” finora, hanno scritto.

I pubblici ministeri hanno messo in dubbio lo stato d’animo generale di Airman Teixeira, rivelando che è stato sospeso dal liceo nel 2018 per commenti allarmanti sull’uso di molotov e altre armi, e hanno setacciato Internet per informazioni sulle sparatorie di massa. Si è impegnato in “discussioni regolari su violenza e omicidio” sulla stessa piattaforma di social media, Discord, che ha usato per pubblicare informazioni riservate, ha detto il deposito, e ha circondato il suo letto a casa dei suoi genitori con armi da fuoco e equipaggiamento tattico.

L’aviatore Teixeira era anche incline a fare “minacce razziali”, hanno detto i pubblici ministeri.

Questo comportamento – così inquietante da essere segnalato dalla polizia locale quando ha richiesto la carta d’identità per le armi da fuoco – solleverà sicuramente nuove domande su come Airman Teixeira abbia ottenuto un nulla osta di sicurezza top-secret che gli ha dato accesso ad alcuni dei rapporti di intelligence più sensibili del paese.

Nel sostenere la sua reclusione, i pubblici ministeri hanno descritto uno sforzo in preda al panico e incosciente dell’aviatore Teixeira per coprire le sue azioni mentre le forze dell’ordine si avvicinavano, incluso dire a un membro di un gruppo di chat di “cancellare tutti i messaggi” e istruire un utente a ostruire gli investigatori.

Ha anche cercato di distruggere le prove, hanno detto i pubblici ministeri. Il deposito include una serie di foto di apparecchiature elettroniche, tra cui un tablet e una console Xbox, che ha fracassato frettolosamente, poi gettato in un cassonetto vicino a casa sua a North Dighton, Massachusetts, prima del suo arresto questo mese. Un testimone ha detto al governo di aver gettato il telefono dal finestrino del camion mentre guidava.

“Questi sforzi sembravano calcolati per ritardare o impedire al governo di ottenere una piena comprensione della gravità e della portata della sua condotta”, ha scritto il dipartimento. “Qualsiasi promessa dell’imputato di restare a casa o di astenersi dall’aggravare il danno che ha già causato non vale più delle sue promesse non mantenute di proteggere le informazioni riservate della difesa nazionale”.

L’avvocato nominato dal tribunale di Airman Teixeira non ha immediatamente restituito un’e-mail di richiesta di commento.

L’aviatore Teixeira è stato arrestato il 13 aprile e accusato di due distinti capi d’accusa relativi alla manipolazione non autorizzata di materiale classificato. Il governo deve ancora incriminarlo davanti a un gran giurì, anche se i pubblici ministeri hanno affermato nella loro dichiarazione di mercoledì che potrebbe affrontare 25 anni – “e potenzialmente molto di più” – in prigione se condannato.

In una denuncia preliminare non sigillata dopo essere stato preso in custodia, l’aviatore Teixeira è stato accusato di aver abusato della sua autorizzazione top secret con un’unità di intelligence a Cape Cod per inviare documenti con contrassegni di classificazione restrittivi a un gruppo di chat di 50 membri su Discord.

Poco prima della firma a marzo, l’aviatore Teixeira ha detto a un membro del piccolo gruppo che “era molto felice” di condividere l’intelligence che pochissime persone possono vedere e ha sollecitato richieste di informazioni che volevano che lui pubblicasse, hanno detto mercoledì i pubblici ministeri.

Il materiale, in parte ottenuto tramite ricerche per parole chiave di file governativi, è stato infine distribuito più ampiamente. Il tesoro di documenti resi pubblici ha rivelato l’accesso delle agenzie di intelligence occidentali alle deliberazioni interne del Cremlino, mettendo a nudo le preoccupazioni della tesa alleanza guidata dagli Stati Uniti che cerca di contenere l’aggressione russa senza provocare un conflitto più ampio.

La scorsa settimana, il New York Times ha riferito che Airman Teixeira, che lavorava come specialista di reti di computer, aveva condiviso informazioni sensibili molto prima di quanto precedentemente noto  e con un gruppo molto più ampio. Secondo i post online esaminati dal Times, aveva iniziato a farlo nel febbraio 2022, entro 48 ore dall’invasione russa dell’Ucraina, in un gruppo di chat di circa 600 membri.

Mercoledì, i pubblici ministeri hanno confermato quel rapporto, scrivendo che “ha iniziato ad accedere a centinaia di documenti classificati” non correlati al suo lavoro a partire dal febbraio 2022.

Il deposito ha fornito poche informazioni su ciò che ha spinto Airman Teixeira a far trapelare valutazioni interne dell’intelligence statunitense, ma ha gettato le sue azioni, che in precedenza erano state viste come principalmente motivate dal suo desiderio di mettersi in mostra con gli amici più giovani online, in una luce un po’ più oscura.

Gli investigatori hanno trovato un piccolo arsenale nella sua camera da letto nella casa che condivideva con la madre e il patrigno. All’interno di un armadietto per armi a due piedi dal suo letto, le forze dell’ordine hanno trovato diverse armi, tra cui pistole, fucili a ripetizione, fucili, un’arma ad alta capacità in stile AK e una maschera antigas. Gli agenti speciali dell’FBI hanno anche trovato munizioni, borse tattiche e quello che sembrava essere un accessorio in stile silenziatore nel cassetto della sua scrivania.

I pubblici ministeri hanno anche reso pubblica una serie di post sui social media del 2022 e del 2023 in cui Airman Teixeira ha espresso il desiderio di uccidere una “tonnellata di persone” e abbattere i “deboli di mente”, e ha descritto quello che ha definito un “furgone dell’assassinio” che avrebbe navigato intorno all’uccisione di persone in un “ambiente urbano o suburbano affollato”.

Il modo in cui Airman Teixeira ha ottenuto i documenti che è accusato di aver pubblicato online è stata una questione critica per gli investigatori. Ritengono che abbia utilizzato i privilegi di amministratore legati al suo ruolo di specialista di tecnologia dell’informazione per recuperare i documenti. Nei suoi post, Airman Teixeira ha affermato che il suo lavoro gli ha dato accesso a materiale che altri non potevano vedere. “Il lavoro che ho mi consente di ottenere privilegi superiori alla maggior parte dei ragazzi dell’intelligence”, ha scritto.

L’aviatore Teixeira era stato programmato per un’udienza di detenzione presso il tribunale federale di Boston all’inizio di questo mese. Ma il suo avvocato, Brendan Kelley, ha chiesto più tempo per affrontare le argomentazioni del governo, e il giudice magistrato, David. H. Hennessey, accettò rapidamente.

Il prossimo passo importante sarà probabilmente il deposito di un atto d’accusa da parte del gran giurì, che includerebbe una descrizione molto più dettagliata delle accuse contro Airman Teixeira, inclusa una descrizione più specifica delle accuse che dovrà affrontare.

Worcester, una città a 50 miglia a ovest di Boston, è la sede del tribunale del giudice Hennessey. Ma il caso verrà infine assegnato a un giudice federale di Boston, ammesso che non venga trasferito del tutto fuori dal Massachusetts, il che rimane una possibilità, secondo le persone a conoscenza della situazione.

I funzionari del Dipartimento di Giustizia hanno preso in considerazione la possibilità di trasferire il caso nel Distretto Orientale della Virginia, poiché la sua giurisdizione include il Pentagono ei suoi avvocati hanno una vasta esperienza nelle indagini su tali casi.

Ma non è chiaro se i giudici federali del Massachusetts, dove ha vissuto e lavorato Airman Teixeira, saranno disposti a farlo, e l’avvocato statunitense per il Massachusetts, Rachael S. Rollins, nominata da Biden, ritiene che il suo ufficio sia in grado di gestire il importa, hanno detto persone che hanno familiarità con la situazione.

Alla domanda sul caso questa settimana, l’assistente procuratore generale Matthew G. Olsen non si è impegnato.

“Attualmente è perseguito e si trova nel distretto del Massachusetts a Boston”, ha detto Olsen, rifiutandosi di commentare ulteriormente.