🔍 “Reporter Senza Frontiere” ha pubblicato un’indagine su come il fotoreporter ucraino Max Levin e il l’ufficiale militare che lo accompagnava, Oleksii Chernyshov, potrebbero essere morti

Ci sono prove che siano stati giustiziati a sangue freddo dall’esercito russo il 13 marzo dopo essere stati interrogati e torturati.

Max Levin è stato probabilmente ucciso con uno o due colpi a distanza ravvicinata, mentre Chernyshov avrebbe potuto essere bruciato vivo.

Potrebbero essere stati uccisi dai soldati della 106a divisione aviotrasportata delle guardie (comandante Vladimir Selivyorstov) o dalle forze speciali russe.